Cosa visitare - Focacceria Jolly

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cosa visitare


Martina Franca

Situata a 431 metri sul livello del mare, tra le colline delle Murge, il territorio di Martina Franca si estende per 295 Km tra le province di Bari, Brindisi e Taranto offrendo vedute mozzafiato sulla “Valle d'Itria”, nota anche come “Valle dei Trulli”.

La città di Martina Franca inoltre vanta di un caratteristico centro storico dove scorgere edifici e chiese in stile barocco e rococò tra cui la “Basilica di San Martino” appartenente alla seconda metà del Settecento. Appartenenti alla stessa epoca ricordiamo la
Chiesa di San Domenico e la Chiesa del Carmine.
Tra gli edifici rinomati troviamo il “Palazzo Ducale” (sede attuale del Municipio) dove è possibile ammirare gli affreschi dell'epoca, risalente alla seconda metà del Seicento e sito in piazza Plebiscito, dove è ubicata anche la
Torre dell'orologio. Sempre all'interno del centro storico possiamo ammirare le antiche porte della città come l’Arco della Porta di Santo Stefano o Arco di San Martino situato in piazza XX Settembre e la Porta di Santa Maria, oggi chiamata Arco del Carmine.

Martina Franca è nota per il Festival della Valle d'Itria, la Fiera di San Martino che si tiene l'11 novembre e per altri eventi artistico-culturali come “La Ghironda Summer Festival” che dal 1995 attira i turisti e gli escursionisti con lo scopo di visitare i luoghi storici della Puglia.


Nei dintorni


Locorotondo

In passato chiamato “Luogorotondo” per la particolarità appunto della forma del centro urbano, è un piccolo paese appartenente al territorio della Valle d'Itria ed è stato accolto tra “I borghi più belli d'Italia”. Tra le attrattive è bene sapere che nel periodo di Ferragosto, durante la festa patronale di San Rocco, a Locorotondo si tiene la spettacolare
Sagra Pirotecnica.

Alberobello

Famosissima meta turistica, situata nella provincia di Bari, nel cuore della Valle d'Itria, essa vanta all'interno del centro urbano delle caratteristiche costruzioni in pietra, i cosiddetti “Trulli”, facenti parte dal 1996 del Patrimonio mondiale dell'umanità dell'UNESCO.
Passeggiando per il centro storico si ha l'impressione di essere tornati indietro nel tempo, in uno scenario suggestivo, tipico della Puglia, e poter ammirare le ceramiche locali.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu